Sventura – Chuck Palahniuk

Posted by

Il Patrick De Gayardon dell’irriverenza dopo aver toccato il fondo con le dita (ed aver quindi ad un tratto sentito la forza della vita), prova ad andare ancora più giù. E io, seduto più o meno comodamente, mentre leggevo il libro nel cesso, in cucina o in cantina, provavo un po’ di pietà per il tipo. Dover sempre superare i propri limiti non dev’essere una cosa facile, non dopo aver scritto quello che ha scritto lui. Insomma essere Chuck Palahniuk secondo me è più complicato di essere John Malkovich, a parte avere entrambi un’H nel nome ed un’H e una K nel cognome.

La mente perversa dello scrittore veste i panni di una tredicenne miliardaria figlia di hippies straricchi e strafattoni nonché divi del cinema e degli affari e quasi padroni del mondo in senso inizialmente solo morale, ma poi alla fine anche materiale. La sintesi delle contraddizioni che i genitori fanno vivere alla figlia è racchiusa direttamente nel nome dato alla giovane: Madison “Desert Flower Rosa Parks Coyote Trickster” Spencer.

Questo libro si sviluppa come fa Il Padrino Parte II, cioè dà per scontata la lettura di Dannazione, e aggiunge elementi alla storia, precedenti e posteriori. Siamo sempre nella testa di una tredicenne che, cercando di attirare l’attenzione dei genitori, sia da viva che da morta, le prova tutte: finge telefonate con Gesù, finge che la sua gatta morta non sia morta, finge di praticare zoofilia erotica o bestialismo o zooerastia, finge di mangiare (ma invece butta il cibo dalla finestra) nel tedioso nord dello stato, insomma finge una cifra di cose.

Il libro è scritto sotto forma di una moderna epistola, e cioè in tweets, che la 13enne di cui sopra si scambia con i suoi nuovi amici conosciuti all’inferno. Da questa corrispondenza di poco amorosi sensi, si viene traghettati (ma non col traghetto tipo quello per Ischia, eh… Qui si parla di elicotteri, yacht, o al limite di spiriti che si muovono da una stanza all’altra tramite i cavi elettrici) fino alla fine dei giorni che scocca in nuovo continente piattaformoso e galleggiante fatto creare con rifiuti plastici dai genitori di Madison.

L’assurdo è servito, ottimamente presentato e impiattato. Ma a me, se interessa, ha un po’ rotto i coglioni.

Vorrei poter dire: Chuck, non sei più quello di Gang Bang, ma non lo faccio perché sotto questa frase striscia latente la demenza. Però, ecco, vorrei quasi.
Vabè, niente, ciao.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.