Omero, Iliade – Alessandro Baricco

Posted by

Dice Sandrino nostro che gli era venuto in mente di leggere l’Iliade in pubblico, ma poi aveva pensato Povero pubblico, che m’ha fatto di male? Perché anche a voler evitare la versione originale in esametri e leggere quella più intellegibile di Maria Grazia Ciani sarebbe stata comunque una cosa triste, di capo chino e sofferenza, di sorrisi stiracchiati, sbadigli soffocati e palpebre calanti.

Perciò – dice Sandrino – mo la pio, la taglio, la snellisco, glie levo gli dèi, gli aggiungo qualche cosetta, ma così, giustopér, ah! Ecco che faccio: faccio er discorso diretto. Faccio parla’ Achille, Ettore, Elena, Menelao, Agamennone, Priamo, Enea, Paride (…anzi, Paride no, Paride sta sul cazzo a tutti, pure a Sandrino, si vede…). ‘Nsomma faccio ‘na cosa fica. La faccio ora, nel 2004, così magari tra 15 anni un blogger ignorante vedrà che questo libricino è esile e ne approfitterà per riavvicinarsi all’epica ed io avrò tolto dalla strada un altro rapper fallito.

Insomma Sandrino m’aveva puntato. E pensa’ che nel 2004 ero lanciatissimo verso una carriera da Rapstàr.

Come fanno gli intellettuali a sapere sempre certe cose prima degli altri?

Usano l’intelletto, mi dirai…

Poèsse, ‘nfatti.

Per il resto poi er libro è tutto scontri, battaglie, strategie, capelli ar vento, scudi brillanti, spade scintillanti, lance fiammanti, carri dorati, armature di bronzo, frecce d’argento… E infatti quanno uno more tutti se sbrigano a sfilaglie via la robba de dosso perché vabbè che stamo qua sur campo de battaglia e semo tutti bellibèlli inmodoassùrdo e combattemo come gli eroi che semo, però insomma, aò, se ammazzi uno e gli pii ‘na spada d’oro poi la porti a squaglia’ che fai dieci sacchi minimo… Semo eroi greci forti e belli, ma mica semo stronzi!

Ciao, pelìdi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.